La Casa de Los Coroneles

L’edificio del Potere di Fuerteventura e delle Canarie

La Casa de los Coroneles, costruita nella seconda metà del XVII secolo da parte di Ginés de Cabrera Bethencourt (1650-1722), è un maestoso edificio del Potere sopravvissuto fino ad oggi come uno dei più importanti elementi architettonici del patrimonio artistico delle Isole Canarie.

Questo palazzo, noto nel comune di La Oliva anche come la Casa de la Marquesa, è senza dubbio l’edificio più rappresentativo della zona.

Ci sono pochi dati noti sulla sua origine e sulla sua evoluzione storica. Alcuni storici dicono che la nascita del sito sia avvenuta nella seconda metà del diciassettesimo secolo. Altri, tuttavia, con maggiore precisione stabilirono la sua creazione durante il coronelato di Don Melchor de Cabrera Bethencourt, nel corso del decennio del 1740. Qualunque sia origine, non vi è dubbio che la nascita dell’abitazione pare essere legata alla discendenza di questi cognomi.

L’edificio originale doveva essere molto semplice, ampliato nel suo perimetro e nella struttura con il passare del tempo. È stato notato che l’estensione più profonda deve aver avuto luogo durante il coronelato di Don Agustín Cabrera (1743-1828).
In seguito altri cambiamenti sono avvenuti durante la permanenza di Don Cristóbal Manrique de Lara (1800-1870) e durante la permanenza di sua figlia María de las Nieves (1844-1921), Marquise de la Quinta Roja dopo il suo matrimonio, senza figli, con Don Diego de Ponte y Llarena, cittadino di La Orotava (Tenerife) e possessore di tale rango.

Dichiarato patrimonio di interesse culturale dal 1979, la sua attuale visibilità è dovuta all’intervento che ha avuto luogo tra il 19 dicembre 2005, data in cui è stato firmato l’accordo che comporta il restauro, fino al 25 novembre dell’anno successivo.

I Colonelli

I Colonnelli di Fuerteventura non si sono limitati a cercare di aumentare il loro prestigio militare, ma hanno anche vigilato sulla crescita del loro patrimonio. La loro autorità sull’isola non era dovuta solo alle numerose posizioni militari e civili che detenevano, ma anche al loro status di grandi proprietari rustici. Arrivò il momento in cui possederono quasi tutte le migliori haciendas di Fuerteventura. I legami matrimoniali con le ereditiere determinarono, generazione dopo generazione diversi lasciti.

L’espansione atlantica del regno di Castiglia, arrivò nelle Isole Canarie nel XV secolo tramite le truppe di conquista comandate dal normanno Jean de Bethencourt, vassallo di Enrico III.
Nel 1404, l’isola era già dominata data anche la bassa resistenza offerta dai suoi abitanti, che erano solo circa 600.

Presto le terre più fertili, le valli vicino a Betancuria furono occupate. I signori dell’isola fecero affari con i terreni attraverso la cosiddetta Mercedes, che comportava in linea di principio solo l’usufrutto dei terreni, ma non il loro effettivo possesso, in modo tale che potessero essere revocati in qualsiasi momento.

Preso il territorio, era obbligatorio procedere con la sua organizzazione . Anche se non ci sono documenti scritti a questo riguardo, è molto probabile che dalla fine del XV secolo, Fuerteventura fosse governata dal Consiglio o Cabildo.

Lo strato militare ha svolto un ruolo di primo piano a Fuerteventura sin dai suoi primi momenti storici . Non invano era un’isola di signoria, di fronte a La Palma, Tenerife e Gran Canaria, che dipendeva direttamente dalla Corona di Castiglia, isole reali quindi. Ecco perché la figura dell’esercito acquisì fin dall’inizio una categoria e un valore sociale così elevato e preponderante che ha finito per monopolizzare il potere insulare.

Visita alla Casa de Los Coroneles

Costruito nel XVIII secolo e situata nel centro di Fuerteventura, il la Casa de Los Coroneles è un monumento storico punto di riferimento delle Isole Canarie, sia come abitazione più a lungo conservata nelle isole, sia per essere stata la residenza ufficiale dei Colonelli che hanno esercitato per secoli il dominio militare sull’isola.

L’interno della Casa de los Coroneles può essere visitata durante l’orario di apertura dei locali. Il prezzo del biglietto include l’accesso ai propri locali e briefing permanente sulla storia e utilizzo della Casa e visite alle mostre temporanee.

}

Orario

Da martedì a sabato dalle 10.00 alle 18.00.
Chiuso lunedì, domenica e festivi.
Aperture speciali: 18 maggio (Giornata internazionale dei musei) e 30 maggio (Giorno delle Isole Canarie).
Gli orari possono subire variazioni in base alle celebrazioni degli eventi.

Biglietti

Il prezzo d’ingressoinclude l’accesso alla casa, la mostra permanente e le mostre temporanee, contemporanee nel giorno della visita.
Generale: € 3,00
Ridotto: € 1,00 residenti delle Canarie (giustificato con documento di identità).
Gruppi: € 2,00 minimo 15 componenti, prezzo per persona.
Giorni di ingresso gratuiti: 18 maggio (Giornata internazionale dei musei) e 30 maggio (Giorno delle Isole Canarie).

Come arrivare

Calle Los Coroneles 28, 35640 – La Oliva (Fuerteventura).
In auto troverete abbastanza aree di parcheggio nelle immediate vicinanze della casa.

Con L’autobus prendere la linea 07 che ferma vicino alla Casa de Los Coroneles. Arriva fino a La Oliva da Puerto del Rosario con direzione Corralejo ed El Cotillo.
Trovi maggiori informazioni sulla linea 07 dal sito di Tiadhe il gestore degli autobus

 

Galleria fotografica

Scopri attraverso queste foto la Casa de Los Coroneles, un esempio unico dell’architettura civile delle Isole Canarie.

Escursioni a Fuerteventura

Le spiagge di Fuerteventura

A Fuerteventura le fantastiche spiagge sono certamente una delle attrazioni più importanti dell’isola

Cosa vedere a Fuerteventura

Oltre alle sue spiagge l’isola regala anche paesaggi meravigliosi, villaggi affascinanti e tanti posti insoliti

Il clima di Fuerteventura

Fuerteventura è una destinazione perfetta per le vacanze da spiaggia in qualsiasi stagione

Consigli su Fuerteventura

Informazioni e consigli utili su Fuerteventura e le Canarie per una vacanza da sogno senza pensieri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi